sabato, Novembre 27, 2021
Home Approfondimenti Guida alla scelta della motozappa

Guida alla scelta della motozappa

E’ tempo di iniziare a lavorare il terreno e, a meno che voi non lo vogliate lavorare a mano, avrete sicuramente bisogno di un aiuto meccanizzato, ovvero di un Motocoltivatore o di una Motozappa. In questo articolo vi parlo della guida alla scelta della motozappa!

Perché fare una guida alla scelta della motozappa

Ho deciso di scrivere questo articolo dopo che ho rimesso in moto la mia prima motozappa, una McCulloch MPT45 6F, acquistata usata 6 anni fa e poi sostituita, negli ultimi 4 anni, con un motocoltivatore.

Qui è in tutto il suo “splendore”, ancora da pulire!

Motozappa McCulloch MPT45 6F
Motozappa McCulloch MPT45 6F

Visto che il motocoltivatore necessitava della revisione del motore e dal momento che occorreva iniziare a fresare il terreno, ho fatto un buon tagliando alla motozappa e l’ho rimessa in moto con facilità.

Cosa vedremo in questo articolo

In questo articolo vedremo i fattori principali da tenere in considerazione per l’acquisto di una motozappa, tra questi vi sono:

  • Cos’è ed a cosa serve la Motozappa;
  • Motocoltivatore o Motozappa? Differenze principali;
  • Caratteristiche tecniche principali;
  • Differenze tra le versioni: leggera, media e pesante;
  • Pregi e difetti principali;
  • Budget a disposizione;

Qualche utile premessa

Prima premessa: il mio orto si estende su una superficie che varia tra 300 e 500 mq, a seconda del periodo dell’anno. Ho poi il frutteto e l’uliveto, ma questi li lascio inerbiti, taglio solo l’erba con la barra falciante e con il piatto tagliaerba collegato al motocoltivatore.

Seconda premessa: non sono un coltivatore professionista, faccio solo l’orto famigliare, quindi i consigli che mi permetto di darvi sono solo frutto di ciò che ho imparato sul campo in questi anni. Per questo motivo, prima di fare un acquisto importante come può essere una motozappa o un motocoltivatore, vi invito a cercare più informazioni che potete anche su altri blog o su gruppi di discussione, meglio ancora dal contadino vicino di casa!

Terza premessa: prendete quelli che posterò solo come esempi, ognuno conosce il budget che può spendere e tutti sono degni del massimo rispetto.

-LEGGI ANCHE:

Biotrituratore a scoppio, elettrico ed a cardano. Quale scegliere?

Cos’è ed a cosa serve la Motozappa

La Motozappa è un utensile a motore (elettrico, a batteria, a benzina o diesel) che permette di effettuare la fresatura del terreno, anche ad una certa profondità, e di prepararlo per le fasi di semina o trapianto delle orticole.

Fresa motozappa
Fresa motozappa – Fonte immagine 1

La Motozappa di divide generalmente in tre serie:

  • Leggera;
  • Media;
  • Pesante.

Motocoltivatore o Motozappa? Differenze principali

Avevo già trattato questo argomento in un corposo approfondimento, che vi riporto per comodità:

E’ meglio il Motocoltivatore o la Motozappa? Differenze, pregi e difetti!

Riassumendo a grandi linee le differenze principali tra le due tipologie di macchine, è utile sapere che:

  • La motozappa trasmette più vibrazioni all’operatore, non avendo le ruote, l’avanzamento è dovuto alle frese che scavano il terreno, dove questo è morbido la macchina tende ad affondare, dove è duro tende a saltare in avanti, bisogna quindi fare pressione sulle stegole (i manubri) per scavare il terreno.
  • Il motocoltivatore trae il moto in avanti dalle ruote mentre la fresa scava la terra. Quindi si può regolare la velocità di avanzamento, generalmente però si usa la prima marcia per fresare. Su terreno duro e con un motocoltivatore leggero, vi è la tendenza a “scappare di mano”, quindi bisogna fare attenzione e fare più passaggi, senza spingere troppo sulle stegole, almeno all’inizio.

Pregi e difetti principali della Motozappa

Come per tutte le cose non esiste l’utensile ideale, tralasciando per un attimo il budget a disposizione, vi sono pregi e difetti per qualunque Motozappa. Vi elenco quelli principali rapportati al Motocoltivatore:

Pregi

  • Costa meno del motocoltivatore: prendo in considerazione solo quelle a benzina con prezzi partono da 200 euro, ma dopo approfondiremo questo aspetto;
  • E’ più leggera e maneggevole del motocoltivatore;
  • E’ meno ingombrante;
  • Lavora la terra più in profondità rispetto al motocoltivatore e spesso ha la larghezza delle frese regolabili.

Difetti

  • Non vi si possono collegare altri attrezzi, nella migliore delle ipotesi solo un assolcatore., quindi la motozappa fa soltanto la motozappa;
  • Le versioni leggere e medie sono adatte ad un orto di modeste dimensioni;
  • Lascia la terra meno rifinita rispetto al motocoltivatore;
  • Stanca di più l’operatore.

-LEGGI ANCHE:

La motozappa o il motocoltivatore non parte o si spegne. Cause e soluzioni

Caratteristiche tecniche principali

Tutte le Motozappe hanno un gruppo meccanico in comune, ovvero la fresa, composta da più zappette, disposte su un asse orizzontale. Le zappette scavano nel terreno a profondità che arrivano, nei migliori dei casi, a circa 20 cm, che non è poco!

La fresa ha una larghezza che varia a seconda della categoria della motozappa (leggera, media e pesante) e della potenza del motore, parametri che vedremo in seguito. Generalmente è possibile variare la larghezza della fresa aggiungendo o togliendo zappette, passando da 36 cm a circa 100 cm, sempre tenendo conto le caratteristiche tecniche della Motozappa.

Sistema di trasmissione della fresa

La fresa può essere azionata in tre modi diversi:

  • A cinghia;
  • A vite senza fine;
  • Ad ingranaggi a bagno d’olio.

E’ facile intuire che parliamo di tre tipologie di trasmissione del moto diverse, si va dal più semplice ed economico (a cinghia) sino a quello professionale (ad ingranaggi a bagno d’olio), passando per l’intermedio e molto diffuso a vite senza fine.

Queste tre tipologie di trasmissione ci portano ad introdurre le tre categorie principali di classificazione delle Motozappe:

  • Leggera o piccola;
  • Media;
  • Pesante.

-LEGGI ANCHE:

Guida alla scelta della motosega da potatura

Motozappa della serie leggera, media e pesante

In questo paragrafo prendo in considerazione soltanto le motozappe motorizzate con motori a benzina e diesel. Per quelle elettriche ed a batteria farò un paragrafo a parte.

I parametri che contraddistinguono le tre serie delle Motozappe sono una combinazione di vari fattori, ne elenco i principali:

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, giardinaggio, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

Quanto deve essere pesante la Motozappa?

Visto il tipo di lavoro che deve fare, bisogna sapere che più la Motozappa è pesante e meglio lavora sui terreni duri o poco lavorati, per pesante si parla di circa 100 Kg!

La mia motozappa è una serie leggera anche se ha un motore Honda da 4,5 CV e la trasmissione a vite senza fine, per esperienza personale vi posso assicurare che su un terreno argilloso come il mio, ad inizio stagione è davvero faticoso scalfirlo se non si ripassa 3 o 4 volte nello stesso solco!

Se pesasse di più salterebbe molto di meno e riuscirei a fresare più in profondità con meno passate.

Quindi, se avete un terreno duro o poco lavorato, vi consiglio di scegliere una motozappa della serie pesante, come questa, dotata di motore a benzina Honda:

Motozappa Eurosystems euro 102 Honda
Motozappa Eurosystems euro 102 Honda

O come questa, con motore Diesel da 7 CV:

Motozappa Eurosystems euro 102D
Motozappa Eurosystems euro 102D

Quale motore scegliere per la Motozappa?

A seconda del tipo di terreno e budget che avete a disposizione, potete scegliere la motozappa con la motorizzazione che fa al caso vostro, ma sappiate che se volete una macchina che vi duri molti anni, dovete investire qualche euro in più acquistando un motore di qualità, tra questi vi sono sicuramente: Honda, Lombardini, Briggs & Stratton, Loncin, Kohler, Subaru.

Vi sono poi i motori di bassa qualità, generalmente costruiti in Cina. Questi vanno finché vanno, poi dovete rimettere mano al portafoglio!

La mia motozappa, per quanto vecchia, dopo che è stata ferma per 4 anni sotto ad un telo è ripartita dopo un tagliando normale (candela, olio, filtro aria e pulizia carburatore). Il motore è Honda!

Torniamo a quale motorizzazione scegliere, vi faccio qualche esempio:

Giardino intorno a casa

Se non dovete allontanarvi troppo da casa e se avete solo qualche aiuola da lavorare, magari per i fiori o per pochi metri quadri di orto, sicuramente una motozappa elettrica (col filo) o a batteria potrebbe essere la scelta giusta.

Motozappa elettrica Einhell GC-RT 1440 M
Motozappa elettrica Einhell GC-RT 1440 M

Soprattutto quelle elettriche costano poco, sono leggere e non richiedono manutenzione. Se invece non volete avere a che fare con il filo elettrico, vi sono buone motozappe a batteria dal costo accessibile.

Einhell 3431200 Zappatrice a Batteria Ge-CR 30 Li-Solo
Einhell 3431200 Zappatrice a Batteria Ge-CR 30 Li-Solo

Piccolo orto famigliare lavorato tutto l’anno

Se avete un orto di qualche decina di metri quadri, e se lo lavorate spesso, una motozappa con motore a benzina della serie leggera può fare al caso vostro.

Con poche centinaia di euro potete acquistare una motozappa a benzina con fresa da 36 cm mono marcia:

Motozappa Eurosystemps la zappa
Motozappa Eurosystemps la zappa

Oppure, salendo di categoria, ci si può dotare di una buona motozappa a benzina con fresa da 85 cm e con 3 marce (2 avanti+RM):

Motozappa GeoTech PGT 700
Motozappa GeoTech PGT 700

Orto di grandi dimensioni

Se avete un orto di qualche centinaio di metri quadri, magari con un terreno argilloso o poco lavorato, se non volete spaccarvi troppo la schiena non avete molte alternative.

Entriamo nel mondo delle motozappe pesanti, motorizzate diesel o benzina, dal costo e dalle prestazioni importanti.

Motozappa Eurosystems Euro 102 a benzina motore Honda GX 270
Motozappa Eurosystems Euro 102 a benzina motore Honda GX 270

Sino ad arrivare al top con motore diesel Lombardini:

Motozappa Eurosystem 102d Lombardini
Motozappa Eurosystem 102d Lombardini

Suola di lavorazione

Entrambe le tipologie di macchine, ma soprattutto il motocoltivatore, lavorando creano la suola di lavorazione, ovvero compattano il terreno laddove termina l’azione della fresa. Col tempo la suola di lavorazione può portare a ristagni idrici.

Chi più spende meno spende

Approfondisco ora il concetto della spesa necessaria per acquistare qualcosa di funzionale, con ricambi disponibili e che duri nel tempo.

Parto da questo punto: la durata nel tempo. Ho imparato, sbagliando più volte, che i tempi in campagna sono enormemente dilatati rispetto a quelli che la società moderna ci sta inculcando. Se oggi uno smartphone da 1400 euro ha una vita media di 2-3 anni, una motozappa o un motocoltivatore, acquistati alla stessa cifra, se tenuti bene possono durare 10-20 anni e più.

Budget a disposizione

Se poco sopra abbiamo visto qualche modello di motozappa a seconda delle proprie esigenze, in questo paragrafo faremo una ricerca a seconda del proprio budget, che però è sempre strettamente legato al terreno che si deve lavorare.

Infatti, se si hanno a disposizione solo una manciata di metri quadrati di orto, è inutile acquistare una motozappa diesel!

Uno dei fattori da tenere altresì presente è la distanza del podere dalla propria abitazione, purtroppo questi utensili vanno a ruba, è un peccato investire molti soldi se si è a rischio di furto!

Suddivido questo paragrafo in tre fasce di prezzo e prenderò in considerazione solo le motozappe con motori a benzina e diesel. Per stilare questa sorta di classifica mi sono affidato a due grandi shop online: Amazon ed AgriEuro, vista la scelta che si ha a disposizione e, almeno per AgriEuro (sono cliente), per la qualità del servizio e dell’assistenza.

Prezzi da 200 a 400 Euro

Motozappa GeoTech GT 430
Motozappa GeoTech GT 430

Prezzi da 400 a 700 Euro

Motozappa Benassi BL355B
Motozappa Benassi BL355B

Prezzi oltre 700 Euro

Motozappa Italian Power RG6.5-130 RATO R390
Motozappa Italian Power RG6.5-130 RATO R390

Conclusioni

Spero che questa guida alla scelta della motozappa, seppur non esaustiva, possa avervi dato qualche idea sul vostro prossimo acquisto.

Il consiglio che vi do è quello di rivolgervi ad un rivenditore vicino a casa, che possa anche darvi l’assistenza tecnica. Se invece amate il fai da te e se volete risparmiare anche cifre significative, non vi resta che acquistare online, a tal proposito, se il motocoltivatore o la motozappa non partono o se si spengono poco dopo, potete leggere questo mio approfondimento:

Oltre agli shop che vi ho citato ne esistono molti altri, seri ed affidabili, io vi ho parlato di AgriEuro in quanto ho acquistato da loro in passato e mi sono trovato bene, inoltre hanno una buona gamma di prodotti a prezzi interessanti.

Ultimo consiglio: anche se ormai vi sono molte sicurezze sulle motozappe di nuova generazione, bisogna sempre pensare che vi sono organi meccanici in movimento, quindi bisogna sempre fare attenzione!

Buon lavoro!

Fonte immagine 1  –

Forse ti può interessare:

Se sei alla ricerca di un utensile per l’orto e la campagna come: rasaerba, decespugliatore, biotrituratore, motosega da potatura, motocoltivatore o motozappa, prima di acquistarlo puoi leggere i miei approfondimenti su come si usano e quale scegliere, a seconda delle tue esigenze e del budget a disposizione! Potresti risparmiare tempo e denaro!

logo rasaerba
Decespugliatore a scoppio, a batteria o elettrico. Quale scegliere? Biotrituratore a scoppio, elettrico ed a cardano. Quale scegliere?
Guida alla scelta della motosega da potatura Motocoltivatore o Motozappa? Guida alla scelta

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

Iscriviti al mio canale YouTubeNota: mi piace essere corretto con il lettore, quindi voglio dirti che i link che portano ad Amazon sono link affiliati. Se hai trovato utile questo articolo e se vuoi aiutare questo blog a crescere, puoi acquistare attraverso questi link, Amazon riconoscerà a questo blog qualche centesimo e tu non pagherai nulla di più. Se invece deciderai di non seguire questi link non importa, ti ringrazio infinitamente di aver letto questo mio articolo e spero rivederti presto su queste pagine!

Most Popular

Semina dei piselli. Periodo, distanza e terreno

In autunno, più precisamente tra ottobre e novembre, si possono seminare i piselli. Vedremo in questo articolo la distanza tra i semi e tra...

Come eliminare la fumaggine degli agrumi. Gratis o quasi!

Una delle patologie che colpisce più di frequente i nostri alberi di agrumi è la fumaggine. Vediamo come eliminarla con trattamenti completamente biologici e...

Come coltivare i Peperoni nell’orto in estate ed in serra in autunno!

In questo articolo vediamo come si coltiva il peperone dolce nell'orto biologico. Parliamo del terreno ideale, della concimazione, dell'irrigazione e qualche consiglio...

Come si coltivano gli spinaci

In autunno ed in primavera è possibile seminare in pieno campo gli spinaci. In questo articolo vediamo come si coltivano gli spinaci, che tipo...