...
Friday 30 September 2022
HomeOrtoCome si coltivano le fave. Terreno, concime e distanza

Come si coltivano le fave. Terreno, concime e distanza

Tra i legumi che è possibile seminare a settembre (ma non solo), vi sono le fave. Vediamo come si effettua la semina, del tipo di concime e della distanza dei semi e tra le file.

Table of Contents

Video sulla semina delle fave

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, giardinaggio, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

Qualche cenno sulle fave

La Fava (Vicia faba) è una pianta autunnale estremamente importante per l’alimentazione umana, soprattutto per chi adotta un regime vegetariano o vegano. 

La fava è una pianta che raggiunge anche il metro di altezza e che produce alcuni baccelli che normalmente utilizziamo in cucina.

fave

Le fave (i baccelli) infatti, sono ricchi di vitamine, proteine, amido e fibre importanti per una sana alimentazione.

La fava non va confusa con il favino (Vicia faba minor), che produce baccelli piccoli e duri e che si usa prevalentemente per il sovescio e per l’alimentazione animale.

Iscriviti al mio canale YouTube!

Quando si seminano le fave

Le fave si possono seminare in pieno campo in autunno (tra ottobre e novembre) ed in tardo inverno o inizio primavera, tra febbraio e marzo. Ovviamente sono periodi indicativi, abitare in Val d’Aosta non è come abitare in Sicilia, bisogna adeguarsi alla zona climatica.

calendario di semina - fave
  • Semina in semenzaio Centro Nord: no
  • Trapianto a dimora Centro Nord: no
  • Semina in semenzaio Centro Sud: no
  • Trapianto a dimora Centro Sud: no
  • Temperatura di germinazione: 5°C
  • Semina in pieno campo Centro Nord: da settembre a novembre e da febbraio a marzo
  • Semina in pieno campo Centro Sud: da ottobre a marzo
  • Profondità di semina: 4-6 cm
  • Tempi di germinazione: 20 giorni
  • Tempi di raccolta: 180-200 giorni
  • Sesto di impianto: 20 cm tra le piantine, 70 cm tra le file
  • Periodo di raccolta Centro Nord: da aprile a luglio
  • Periodo di raccolta Centro Sud: da marzo a giugno

Come tutti i legumi (fagioli, ceci, piselli, lenticchie), anche le fave apportano azoto al terreno, sono quindi ottime da seminare in terreni sfruttati in precedenza, ad esempio là dove vi era l’orto estivo.

E’ proprio questo il mio caso, una volta eliminato ciò che rimaneva di pomodori, peperoni e melanzane, ho ricavato il posto per le semine invernali delle fave e dei piselli.

-LEGGI ANCHE: Lavorazione dell’orto a novembre

Come si seminano le fave

La semina delle fave è davvero molto semplice ma prima vediamo la lavorazione del terreno.

Semina delle fave

Lavorazione del terreno per la semina delle fave

Il terreno va lavorato in profondità. Se il luogo prescelto è lo stesso dell’orto estivo, prima vanno eliminate le piante a fine vita, magari con una trincia, e poi si lavora il terreno a mano o con un mezzo meccanico, ovvero una motozappa o un motocoltivatore.

Si fanno poi dei solchi profondi 5-7 cm e distanziati circa 70 cm.

Come si seminano le fave

L’assolcatore manuale

Per fare i solchi nel terreno si può utilizzare un assolcatore agganciato dietro al motocoltivatore o motozappa oppure, come nel mio caso, si può usare un assolcatore manuale.

Io me lo sono costruito (la parte del manico), ma ci sono in commercio attrezzi già pronti all’uso, come questo, ad un costo contenuto:

assolcatore manuale
Clicca sull’immagine

-LEGGI ANCHE: Differenza tra motocoltivatore e motozappa

Sesto di impianto delle fave

Il sesto di impianto delle fave prevede una distanza tra le fila di circa 70 cm. I semi vanno interrati a circa 5 cm distanziati tra essi di circa 15-20 cm.

  • Sesto di impianto: 20 cm tra le piantine, 70 cm tra le file, 4-5 cm di profondità.

Quale concime utilizzare per le fave

Visto che l’azoto lo ricavano dall’aria e lo fissano a terra, si può utilizzare un concime a base di potassio e di magnesio.

concime potassio e magnesio
concime potassio e magnesio

In aggiunta si può spargere un po’ di cenere di legna (video). 

Se, come nel mio caso, sapete di aver fatto una buona concimazione di fondo dell’orto estivo, potete provare a non utilizzare alcun concime, sfruttando cosi la concimazione residua e puntando sulla capacità dei legumi di fissare l’azoto al terreno in modo naturale.

APPROFONDIMENTO:

Quando si semina nell’orto e nel semenzaio. Calendario di semina!

Le fave resistono al gelo?

La fava resiste benissimo al gelo, lo scorso inverno, qui da me ha nevicato a marzo ed avevo già le fave alte una ventina di centimetri. Sono rimaste sotto la coltre di neve per una decina di giorni, ovviamente sono state schiacciate a terra dal peso della neve, pensavo di dover gettare tutto invece si sono riprese ed ho avuto un grandissimo raccolto.

fave sotto la neve
fave sotto la neve – fonte immagine 1

Come si conservano le fave

Abbiamo visto come si seminano le fave, ma cosa fare una volta raccolte? Il procedimento è semplice: una volta sgranate, lavate e ben asciugate, le fave si conservano in freezer, noi le dividiamo in sacchetti già della porzione giusta. Una volta scongelate hanno un sapore molto vicino a quello delle fave fresche.

Come si cucinano le fave

Noi le facciamo andare in padella con un filo di olio, misto soffritto e un paio di uova. Oppure si può fare un sugo bianco per condire la pasta, o ancora lessate come contorno.

Dove si acquistano le fave da semina

Trovate le confezioni da 500 grammi o da 1 Kg in tutti i negozi specializzati, altrimenti online ho trovato questa confezione su Amazon.

faveLink immagine 2

Conclusioni

Abbiamo visto come si coltivano le fave. Nello specifico ho parlato del terreno, del concime e della distanza tra i semi.

Le fave sono una leguminosa poco esigente in termini di terreno, resiste bene al gelo ed apporta azoto alla terra!

Buon lavoro!

PS: articolo aggiornato a settembre 2021

Fonte immagine 1Fonte immagine 2

Forse ti può interessare:

Se sei alla ricerca di un utensile per l’orto e la campagna come: rasaerba, decespugliatore, biotrituratore, motosega da potatura, motocoltivatore o motozappa, prima di acquistarlo puoi leggere i miei approfondimenti su come si usano e quale scegliere, a seconda delle tue esigenze e del budget a disposizione! Potresti risparmiare tempo e denaro!

 
Decespugliatore a scoppio, a batteria o elettrico. Quale scegliere? Biotrituratore a scoppio, elettrico ed a cardano. Quale scegliere?
Guida alla scelta della motosega da potatura Motocoltivatore o Motozappa? Guida alla scelta

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite! Iscriviti al mio canale YouTubeNota: mi piace essere corretto con il lettore, quindi voglio dirti che i link che portano ad Amazon sono link affiliati. Se hai trovato utile questo articolo e se vuoi aiutare questo blog a crescere, puoi acquistare attraverso questi link, Amazon riconoscerà a questo blog qualche centesimo e tu non pagherai nulla di più. Se invece deciderai di non seguire questi link non importa, ti ringrazio infinitamente di aver letto questo mio articolo e spero rivederti presto su queste pagine!

 

Ultimi Articoli

Optimized by Seraphinite Accelerator
Turns on site high speed to be attractive for people and search engines.