Gruppo di continuità per la caldaia o stufa a pellet

Vi ho già parlato della mia caldaia a pellet e di come mi sono attrezzato con un generatore di corrente in caso di blackout prolungato.

Il problema delle interruzioni di corrente

Il problema, però, si pone anche nel momento in cui vi sono delle brevi interruzioni di corrente, spegnendo cosi le utenze domestiche come la stufa o la caldaia a pellet, o le pompe del termocamino.

Prima di continuare a leggere, mi pare doveroso dirvi che non mi assumo alcuna responsabilità per danni derivati a cose e persone qualora decidiate di mettere in atto quanto ho fatto io.

Per ovviare a questo problema, basta acquista un UPS o gruppo di continuità di potenza adeguata alle proprie esigenze, occorre però una unità molto potente ed ovviamente ad onda sinusoidale pura.

Parliamo di un esborso di svariate centinaia di euro.

Gruppo di continuità nuovo o usato?

L’alternativa, ed è ciò che ho fatto io, è stata quella di acquistare un gruppo di continuità di marca premium, in questo caso APC modello Smart 700 che eroga circa 450 Watt.

La mia caldaia a pellet e le pompe del camino consumano al massimo 300 Watt, quindi la potenza nel mio caso è più che sufficiente.

L’ho acquistato usato e l’ho pagato circa €110, inoltre l’ho preso senza batterie perché non mi servivano. Infatti vista la scarsa potenza in uscita, avrei avuto soltanto pochi minuti di autonomia con le batterie di serie.

– LEGGI ANCHE: Se usi il pellet puoi risparmiare con il nocciolino

Modifica dell’UPS APC Smart 700

Per ovviare a questo problema ho utilizzato due batterie da auto, in questo caso da circa 74 Ah, le avevo già in casa e quindi non ho pagato nulla.

L’UPS che ho acquistato richiede una tensione in ingresso di 24 volte quindi ho collegato in serie le due batterie (il positivo di una sul negativo dell’altra).

Se siete interessati ad un progetto simile, ho fatto una ricerca e questo specifico modello non è più disponibile, però ho trovato questo: APC SMT750IC, ha una potenza di 500W ed ha le stesse caratteristiche di quello che ho utilizzato io, a parte la potenza (il mio è, in origine, meno potente).

In alternativa vi do l’indirizzo della pagina di ricerca con marca e caratteristiche necessarie a questo progetto, ma con potenze e prezzi diversi.

Montaggio delle batterie e collegamenti elettrici

Fatto questo, ho intercettato i fili di corrente che andavano collegati alle batterie originali e con due faston e li ho fatti uscire dal retro dell’UPS.

Ho poi dovuto apportare una modifica all’impianto elettrico: ovvero ho installato una presa da muro e l’ho collegata direttamente alla rete elettrica, a questa, poi, ho collegato il gruppo di continuità.

Tutte le utenze che avevo nel locale caldaia le ho collegate sotto l’UPS, da questo ho scollegato soltanto il neon e l’aspirapolvere che uso per la pulizia giornaliera della caldaia, in quanto non compatibili, essendo di tipo resistivo.

Quest’ultima parte, mi preme sottolinearlo, è molto importante, se non siete in grado di farlo da soli vi consiglio caldamente di affidarvi a un professionista.

Collegate le batterie all’UPS ho allacciato quest’ultimo alla rete elettrica. Con poche ore di lavoro sono arrivato al setup completo ed ora ho finalmente un sistema di protezione contro le piccole interruzioni di corrente, che in campagna purtroppo avvengono spesso, soprattutto in inverno e con il maltempo.

La spesa complessiva di questa modifica, tolte le batterie che avevo già, è stata di circa €150.

A cosa serve un gruppo di continuità sulla stufa a pellet

Una delle funzioni di questo gruppo di continuità è quella di filtrare la corrente in entrata, la normalizza, alimenta poi le utenze e interviene in tempo brevissimo in caso di blackout di corrente.

Di fatto la caldaia a pellet non si accorge di nulla e rimane sempre accesa.

Usando le batterie delle auto ho una autonomia di una buona mezz’ora, più che sufficiente per ovviare a qualunque tipo di problema.

In caso di mancanza di corrente per più tempo, ho il generatore di corrente di cui vi ho parlato prima.

Tutte le varie fasi di questa operazione le trovate nel video:

Se avete bisogno di informazioni più dettagliate potete scrivermi o lasciare un messaggio qui sotto, vi riporto, per comodità, il modello di Smart UPS APC che ha caratteristiche simile al mio.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: