Quanto costa un orto autunnale per 3-4 persone

La domanda che mi viene rivolta spesso è :”Ma ti conviene fare l’orto?” La risposta è si e no.

Conviene fare un orto? SI

Se parliamo dal punto di vista della soddisfazione personale, la domanda si risponde da sé, ovviamente sì,  vedere crescere una piantina dal seme o vederla sviluppare da una pianta trapiantata non ha prezzo. Inoltre la qualità del cibo è nettamente superiore rispetto a quello del supermercato. Ovvio vi è molto lavoro dietro e bisogna mettere in conto le spese dell’acqua e dell’attrezzatura.

Conviene fare un orto? NO

Se invece mi riallaccio a quanto detto poco sopra, ovvero se parliamo di attrezzatura, va da se che ammortizzare un decespugliatore da svariate centinaia di euro  oppure un motocoltivatore da 2-3000 euro diventa difficile, se non la si guarda nell’ottica della soddisfazione personale e dell’investimento a lunghissimo tempo.

Costo di un orto domestico

Tornando alla domanda iniziale, ho fatto due conti sulla realizzazione di un orto autunnale ed invernale per 3-4 persone.  Ho preso in esame soltanto l’acquisto delle piantine e non dei semi.

Nel mio caso, quest’anno ho diviso la spesa in due momenti ben distinti: la prima volta ho acquistato un centinaio di piante tra fagiolini, finocchi e radicchi vari ed avevo speso circa 25 euro. La seconda fase, invece ha visto l’acquisto di altre 180 piante tra finocchi autunnali e invernali, radicchi vari con vari stadi di maturazione, cavoli, broccoli, cavoletti di Bruxelles e tutto quello che potevo trapiantare in questo periodo per una spesa di circa 30 euro.

Quindi a conti fatti una famiglia di 3-4 persone per l’orto autunnale e invernale spende tra i 50 e i €100, non ho contato i semi perché hanno un costo irrisorio, una bustina va da 1 a 2,50 euro e si possono fare davvero grossi numeri se si seminano nel modo corretto.

– LEGGI ANCHE: Semina delle cime di rapa o broccoletti

Il concime nell’orto

Come ho scritto prima, ho tolto dal computo delle spese il costo dei macchinari e del concime. Tenete conto che io utilizzo soltanto stallatico pellettato e pollina auto-prodotta e ne consumo circa 8 sacchi all’anno da 25 kg l’uno.

Un breve cenno su questi due tipi di concime, ma a breve scriverò un articolo. Se hai delle galline, puoi produrti da solo la pollina (qui il mio video), altrimenti un buon prodotto è questo. Discorso diverso per quanto riguarda lo stallatico pellettato, quello bisogna acquistarlo per forza, lo trovi nei consorzi, nei negozi che vendono le piantine o lo puoi acquistare comodamente su Amazon, questo è un buon prodotto, l’ho usato per anni.

Alla fine ho trapiantato circa 250 piantine. Possono sembrare molte, però bisogna tener conto che chi fa cultura prettamente biologica ovvero chi fa l’orto di casa, deve anche mettere in conto una parte delle colture attaccate dai parassiti, quest’anno la cavolaia e le lumache hanno già fatto danni, quindi prevedere una percentuale del raccolto che non va a buon fine è una prassi corretta.

Bisogna poi mettere in conto i capricci del meteo, se arriva una gelata improvvisa le piantine autunnali ne risentono e se dura più di qualche giorno parte del raccolto se non tutto lo si perde.

Dimensioni di un orto familiare

Per mettere a dimora tutte queste piantine mi ci sono voluti circa 100 metri quadri di orto, sono stato largo perché ho cercato di mantenere una distanza idonea tra le file per poi passare con il motocoltivatore, se invece qualcuno di voi lavora la terra a mano, può permettersi anche di fare file più strette, quindi occorre meno spazio.

Se avete bisogno di qualche consiglio basta che me lo chiedete qui nei commenti.

Buon lavoro

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: