Home Orto Cos’è la coltivazione NO DIG, senza lavorazione del terreno!

Cos’è la coltivazione NO DIG, senza lavorazione del terreno!

1122
SEMINA PATATE NO DIG
SEMINA PATATE NO DIG

In questo articolo introduco una “nuova” metodologia di coltivazione del terreno, agli antipodi di ciò che si fa normalmente ma che ha alcuni punti a favore veramente interessanti rispetto all’agricoltura classica. Vediamo cos’è la coltivazione NO DIG (senza lavorazione del terreno).

Table of Contents

Perchè ho deciso di provare il metodo di coltivazione NO DIG

Tutto è nato qualche mese fa, da un commento, a mio avviso, istruttivo di un utente sul mio canale YouTube. Mostravo l’utilizzo dello stallatico pellettato sulle nuove piantine ed il commento è stato:”Quanto veleno usi amico mio, puoi farne a meno”.

Questa semplice affermazione mi ha fatto riflettere, mi sono fermato un po’ ed ho cercato metodi di coltivazione alternativi, che non facessero uso di sostanze apportate al nostro orto, seppur ammesse nella coltivazione biologica.

NO DIG Charles Dowding
NO DIG Charles Dowding

Ricordai di aver visto, tempo addietro, un orto strepitoso di un signore inglese (Charles Dowding) che da circa 40 anni utilizza un metodo di coltivazione estremamente interessante, battezzato da lui come NO DIG. Ho cercato su YouTube e mi si è aperto un mondo!

Cosa significa NO DIG

NO DIG significa letteralmente senza scavo, ovvero senza alcuna lavorazione del terreno. Questo modo di coltivare, infatti, non prevede l’utilizzo di alcun attrezzo per rompere, smuovere, rivoltare e sminuzzare il terreno, come la motozappa, il motocoltivatore od il trattore, nulla di tutto ciò.

SEMINA PATATE NO DIG
SEMINA PATATE NO DIG

Il terreno deve rimanere esattamente cosi com’è, poco importa se sia di tipo sabbioso, a medio impasto o argilloso (come il mio). La coltivazione NO DIG esula da tutto questo ed affronta il problema da un altro punto di vista: la salvaguardia della flora e della fauna del suolo di coltivazione.

Com’è composto il suolo di coltivazione

Il suolo di coltivazione è la parte superficiale del terreno ed è quella interessata alla coltivazione delle piante, siano esse orticole che alberi da frutto, tutto.

Il suolo è composto da acqua, aria, humus, sostanze organiche e minerali ma non solo, nei primi centimetri di terra vivono miliardi di microorganismi, batteri, alghe e funghi, oltre ai lombrichi ovviamente.

Composizione del suolo
Composizione del suolo

Tutta questa flora e fauna rigenera continuamente il suolo che li ospita, rendendolo fertile e produttivo.

La teoria alla base del metodo NO DIG

La teoria che è alla base della coltivazione NO DIG è semplice: meno si tocca il terreno e più lo si rende fertile e sano.

Ovviamente si pone un problema, a parte pochissime coltivazioni che apportano sostanze utili al terreno come i legumi, tutto ciò che noi seminiamo utilizza le sostanze organiche presenti nel suolo e, alla lunga lo impoverisce, ecco perchè apportiamo concimazioni periodiche, sia pure stallatico maturo, per cercare di bilanciare quanto consumato dalle nostre coltivazioni.

Come ovviare quindi a questo problema?

Il metodo NO DIG prevede un apporto continuo di compost, e solo di questo! Il compost è il risultato del compostaggio di sostanze organiche (vegetali, avanzi di cibo, letame lasciato riposare mesi e derivante solo da allevamento non intensivo ecc).

compost
compost

Sempre facendo riferimento alla metodologia messa a punto da Charles Dowding, la coltivazione NO DIG prevede la realizzazione di letti (o cassoni) rialzati con all’interno 15 cm di compost e basta. Ogni anno si aggiungeranno 3 cm di nuovo compost per reintegrare le sostanze nutritive consumate dalle colture che vi abbiamo seminato (o trapiantato).

Come fare il compost per un orto famigliare

Per un piccolo orto famigliare, che è ciò di cui mi occupo io in questo blog, il compost deriva principalmente dalle potature tritate con il biotrituratore o cippatore, dagli sfalci d’erba e dalla lombricompostiera.

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, giardinaggio, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

Quest’anno, dal momento che la coltivazione NO DIG richiede un grosso quantitativo di compost che non avevo disponibile, ne ho acquistato un po’ da una fungaia che lo aveva dismesso per la coltivazione dei funghi ma che era ancora ottimo per la coltivazione dell’orto.

Come ho fatto il cassone di compost

Il primo esperimento è stato con le patate, ho realizzato un cassone alto 15 cm, lungo circa 4 metri e largo circa 1,40 metri. Sul terreno, al fondo del cassone, ho steso alcuni cartoni, il cui scopo è quello di rallentare lo sviluppo delle infestanti per circa 6 settimane, dopodiché questo si composterà e sarà assorbito dal terreno.

Cassone NO DIG per le patate
Cassone NO DIG per le patate

L’ho riempito del compost di cui sopra e l’ho compattato camminandoci sopra. Poi ho aggiunto altro compost sino ad arrivare al livello.

SEMINA PATATE NO DIG

Video sulla semina delle patate NO DIG

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, giardinaggio, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

Il metodo NO DIG e le infestanti

La coltivazione NO DIG non elimina lo sviluppo delle erbe infestanti, ma se si utilizza un cartone tra il compost ed il terreno e se si circondano i cassoni con del cippato o con dei teli, lo sviluppo delle erbe infestanti è molto inferiore alla norma.

Quando poi le erbacce faranno capolino dentro al cassone, o le si estirpano manualmente o si utilizza un sarchiatore manuale. Lo scopo è sempre quello di toccare il meno possibile il terreno.

Perchè le piante crescono meglio

Ora vi parlo della teoria che sta alla base della coltivazione NO DIG, io sono all’inizio di questa avventura e non la posso ancora confermare o smentire, quindi vi riporto solo quanto affermato dal coltivatore inglese.

Un terreno non smosso ed alimentato con del compost di buona qualità si arricchisce naturalmente di flora (tra cui il micelio) e fauna (tra cui i lombrichi) indispensabili alla buona fertilità naturale del suolo.

Quando trapiantiamo una giovane piantina, le sue radici entrano in contatto con tutta la vita presente nel sottosuolo e se ne avvantaggia, sviluppando un apparato radicale sano e vigoroso.

L’irrigazione nel metodo NO DIG

Ho scritto in privato a Charles Dowding che, molto gentilmente, mi ha risposto in tempi brevi. Gli ho chiesto perchè non utilizza un impianto di irrigazione a goccia del suo splendido orto, la sua risposta è stata che non occorre, la richiesta di acqua è inferiore alla norma, soprattutto se si usa una buona pacciamatura (cippato, telo ecc).

Pacciamatura cippato biotrituratore

Anche questo punto lo devo sperimentare, prossimamente farò dello colture con e senza irrigazione a goccia e vedrò la differenza.

Pro e contro della coltivazione NO DIG

Pro:

  • Nessun utilizzo di attrezzatura agricola meccanizzata, quindi risparmio di carburante;
  • Nessun utilizzo di fertilizzante;
  • Meno infestanti;
  • Meno lumache;
  • minore consumo di acqua per l’irrigazione.

Contro:

  • Occorre molto compost ed in modo continuo, quindi se non lo si produce in proprio, bisogna acquistarlo;
  • Seppur non indispensabili, la costruzione dei letti in legno comporta un dispendio di soldi (se si acquistano le tavole) e tempo per la realizzazione.

Conclusioni

Abbiamo visto cos’è la coltivazione NO DIG, ovvero senza lavorazione del terreno. Quest’anno ho iniziato questa nuova avventura, voglio vedere se i risultati fenomenali di Charles Dowding sono replicabili anche da un piccolo coltivatore amatoriale come il sottoscritto e sino a che punto.

Prossimamente valuterò le problematiche emerse e vi terrò aggiornati sugli sviluppi del metodo NO DIG.

Buon lavoro!

Forse ti può interessare:

Se sei alla ricerca di un utensile per l’orto e la campagna come: rasaerba, decespugliatore, biotrituratore, motosega da potatura, motocoltivatore o motozappa, prima di acquistarlo puoi leggere i miei approfondimenti su come si usano e quale scegliere, a seconda delle tue esigenze e del budget a disposizione! Potresti risparmiare tempo e denaro!

logo rasaerba
Decespugliatore a scoppio, a batteria o elettrico. Quale scegliere?Biotrituratore a scoppio, elettrico ed a cardano. Quale scegliere?
Guida alla scelta della motosega da potaturaMotocoltivatore o Motozappa? Guida alla scelta

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

Iscriviti al mio canale YouTube

Nota: mi piace essere corretto con il lettore, quindi voglio dirti che i link che portano ad Amazon sono link affiliati. Se hai trovato utile questo articolo e se vuoi aiutare questo blog a crescere, puoi acquistare attraverso questi link, Amazon riconoscerà a questo blog qualche centesimo e tu non pagherai nulla di più. Se invece deciderai di non seguire questi link non importa, ti ringrazio infinitamente di aver letto questo mio articolo e spero rivederti presto su queste pagine!