HomeOrtoCome coltivare i Peperoni nell'orto in estate ed in serra in autunno!

Come coltivare i Peperoni nell’orto in estate ed in serra in autunno!

In questo articolo vediamo come si coltiva il peperone dolce nell’orto biologico. Parliamo del terreno ideale, della concimazione, dell’irrigazione e qualche consiglio per avere peperoni buonissimi!

Alcuni cenni sul Peperone

Il peperone (Capsicum Annum) appartiene alla famiglia delle solanacee, cosi come le melanzane, i pomodori e le patate, ma anche come il peperoncino piccante, di cui ho parlato in questo articolo. Se siete amanti del piccante, vi consiglio di leggerlo.coltivazione dei peperoni nell'ortoQuesto ortaggio è arrivato in Italia intorno al 1500 e da allora è stato sempre coltivato ed apprezzato per il suo sapore e per le sue proprietà!

Quando seminare il peperone

Se si dispone di un semenzaio riscaldato (video su come si usa), la semina può avvenire anche nei mesi più freddi dell’anno, parliamo di gennaio e febbraio, si tenga conto che il periodo di germinazione dei semi è abbastanza lungo ed anche la temperatura di germinazione è elevata, parliamo di circa 25°C.Se vi può essere utile, vi segnalo l’articolo con le temperature di germinazione degli ortaggi principali.

Inoltre bisogna arrivare a trapiantarli in pieno campo quando le temperature sono già stabili, visto che è un ortaggio che richiede molto sole e calore costante.

Qualità dei peperoni

Iniziamo con il differenziare i peperoni piccanti da quelli dolci, in questo articolo parliamo solo di questi ultimi.Un’altra differenza è dovuta alla forma, tra i peperoni quadrati vi sono le varietà rosso e giallo d’Asti, il giallo e rosso di Nocera, il giallo di San Valentino e molti altri.

Peperone rosso di Nocera Vi sono poi quelli dalla forma allungata, tra questi troviamo il Corno di Toro, il Lungo di Chiasso ecc. L’ultima varietà è quella troncata, con la qualità Quarantino d’Asti ed il Piccolo del Veneto.Vi sono poi i friggitelli, piccoli e verdi, dalla forma allungata, eccellenti come contorno o sott’olio.

friggitelli

Il terreno ideale per la semina del peperone

Il terreno ideale è di medio impasto, abbastanza sciolto al fine di non avere ristagni idrici. Bisogna poi provvedere con una buona concimazione di fondo nel periodo invernale, interrando stallatico maturo o, se non lo si ha, stallatico pellettato (come si usa lo stallatico pellettato) oppure humus di lombrico.Humus di Lombrico Clicca sull’immagine per saperne di piùSempre rimanendo in ambito di coltivazione biologica, se si ha possibilità, sarebbe indicata anche la pratica del sovescio, cosi da apportare azoto al terreno in modo del tutto naturale.LEGGI ANCHE: MIGLIORE RASAERBA

Sesto d’impianto dei peperoni

Il sesto d’impianto dei peperoni prevede una distanza di circa 40 cm tra le piantine ed un metro tra le file.

sesto d'impianto dei peperoni

Irrigazione e pacciamatura dei peperoni

I peperoni non amano i ristagni idrici, quindi il sistema di irrigazione più consigliato è rappresentato da un impianto a goccia. Il terreno non deve mai seccarsi completamente e nemmeno vi deve essere un improvviso apporto di acqua, per non danneggiare l’apparato radicale.
La pacciamatura è molto importante, sia per evitare che le erbe infestanti prendano il sopravvento, sia per minimizzare l’evaporazione d’acqua dal suolo.stallatico zucchineCon una buona pacciamatura sia essa fatta di paglia sterile, di cippato o con un telo traspirante, come quello che uso io, bastano 10 minuti di irrigazione al giorno per apportare la giusta quantità di acqua al terreno.telo pacciamante

Concimazione periodica

Personalmente, ogni 15-20 giorni, o a seconda delle necessità delle piante, apporto al terreno piccole dosi di concime liquido ricavato da stallatico pellettato. E’ molto semplice da fare in casa, vi lascio il link dell’articolo ed il video:

Buon lavoro!

- Advertisment -

Ultimi Articoli