Monday 5 December 2022
HomeOrtoCome combattere l'oidio della zucchina, la peronospora e le cimici del pomodoro...

Come combattere l’oidio della zucchina, la peronospora e le cimici del pomodoro senza la poltiglia bordolese

E’ possibile combattere l’oidio e la peronospora senza la poltiglia bordolese e lo zolfo? Si, l’ho fatto con successo usando: tannino di castagno, bentonite e caolino!

Table of Contents

L’uso della Poltiglia Bordolese per le malattie fungine

Sappiamo tutti che per prevenire la peronospora del pomodoro e l’oidio (o mal bianco) delle zucchine (ma non solo, come vedremo più avanti), si usa la poltiglia bordolese, un preparato a base di rame utilizzato già dai nostri nonni. Il rame però è un metallo che tende a depositarsi nel terreno e, in ultima analisi, rientra nel ciclo delle piante attraverso i frutti, che poi mangiamo.

poltiglia bordolese
poltiglia bordolese

Approfondimento sull’utilizzo della poltiglia bordolese

Video su come prevenire l’oidio, la peronospora e le cimici

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, giardinaggio, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

Video sul primo trattamento contro cimici, peronospora ed oidio

Iscriviti al mio canale YouTube!

Quando non si può utilizzare la Poltiglia Bordolese

Non va dimenticato poi che i prodotti a base rameica non vanno utilizzati con temperature superiori ai 28°C, altrimenti diventano fitotossici, inoltre non può essere utilizzata sui fiori aperti.

L’alternativa alla Poltiglia Bordolese

Per questo motivi negli ultimi anni mi sono messo alla ricerca di un valido sostituto, un composto biologico che fosse in grado di sostituire, se non del tutto ma almeno in parte, i prodotti rameici.

APPROFONDIMENTO: Peronospora del pomodoro. Due metodi per prevenirla!

Il bicarbonato di potassio

Due anni fa ho provato il bicarbonato di potassio (3 grammi/litro) con risultati discreti. A titolo informativo, sappiate che lo potete utilizzare anche in abbinamento con il sapone molle potassico o il Sapone di Marsiglia (5 grammi/litro) per un maggiore effetto adesivante.

-LEGGI ANCHE:

articoli giardinaggio un orto in campagnaCaolino, bentonite e tannino di castagno con oidio e peronospora

Due anni fa ho condotto numerosi test con il caolino, il tannino di castagno e la bentonite marchiati Bioki, per prevenire e contrastare l’oidio delle zucchine e la peronospora dei pomodori.

Video sul tannino di castagno, bentonite e caolino Bioki.

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, giardinaggio, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

I tre prodotti biologici BioKi

Negli anni scorsi mi ero già imbattuto nel caolino, ma mai in combinazione con la bentonite ed il tannino di castagno.

tannino castagno-bentonice-caolino-bioki
tannino castagno-bentonice-caolino-bioki

I preparati in questione sono ammessi in agricoltura biologica e li possono utilizzare tutti, anche se sprovvisti di patentino.

Nello specifico sono tre diversi composti da utilizzare contemporaneamente, in quanto si completano l’uno con l’altro ed offrono un’azione preventiva e protettiva non solo contro l’alternaria, la ticchiolatura, l’oidio delle zucchine e la peronospora dei pomodori (ma anche delle melanzane, patate, peperoni ecc.), ma anche con alcuni insetti dannosi per l’orto come la cimice (verde ed asiatica), la tuta absoluta del pomodoro e gli afidi.

Certo, contro questi insetti si possono preparare dei macerati efficaci, ma utilizzando questi prodotti la copertura è assicurata, e vi spiego il perché nei prossimi capitoli.

-LEGGI ANCHE: Migliore decespugliatore risparmiando!

Nello specifico i prodotti sono:

Tannino di castagno

E’ derivato dall’estrazione acquosa del legno di castagno, è un concentrato di sostanze polifenoliche ed è classificato come corroborante per le piante.

ESTRATTO DI CASTAGNO BIOKI
Tannino di castagno BIOKI

Lo si può dare sia per via radicale che fogliare, in questo articolo (e video), parliamo proprio di questo tipo di somministrazione.
Una volta che è stato irrorato sulle piante (con una pompa a batteria o manuale), forma sulle foglie e sui frutti una pellicola adesiva che ha le seguenti particolarità:

  • riduce l’evaporazione e la traspirazione durante i periodi più caldi;
  • aiuta i tessuti a cicatrizzarsi (magari dopo una grandinata);
  • minimizza la spaccatura dei frutti;
  • aumenta la resistenza contro funghi e batteri;
  • risulta sgradevole per insetti come le cimici;

Se utilizzato per via radicale migliora la microflora delle radici, con tutti i benefici connessi.

Dosi del tannino di castagno per trattamento fogliare: 3 grammi/litro

Il suo massimo effetto lo si ha se lo si usa con le polveri di roccia, e nel kit che sto provando ne vediamo due, da utilizzare contemporaneamente.

Scheda del Tannino di Castano e dove acquistarlo.

La Bentonite

Premessa: le piogge costanti e l’umidità sono all’origine delle malattie fungine, come la peronospora e l’oidio. Se riusciamo ad assorbire l’acqua dalle foglie, riduciamo il rischio di incorrere in questi problemi.

Bentonite BIOKI
Bentonite BIOKI

La bentonite è un’argilla in grado di assorbire l’acqua e l’umidità dalle foglie e dai frutti. E’ di origine vulcanica ed è composta da Ossido di silicio, magnesio e alluminio, oltre che da microelementi utili alla salute della pianta.

Oltre a questo, ha un’azione adesivante ed è spesso utilizzata in combinazione con altri prodotti. La sua capacità di inglobare l’acqua e l’umidità fa si che si formi una sorta di gel impermeabilizzante, utile per contrastare sia le malattie fungine che gli insetti.

La bentonite è una polvere che si miscela nell’acqua, nel nostro caso con il tannino di castagno e con il caolino.

Dosi per l’impiego della bentonite: 4 grammi/litro

Scheda della Bentonite Bioki e dove acquistarla.

Il Caolino

Il caolino è una roccia sedimentaria, costituita da argilla di silicato d’alluminio. In agricoltura trova ampio impiego sugli ulivi per la lotta alla mosca dell’olivo, ma viene impiegato anche in altri campi: medico, edilizia e nella realizzazione di porcellane.

Caolino BIOKI
Caolino BIOKI

In orticoltura viene utilizzato per le seguenti qualità:

  • crea un film sottile sulle foglie e sui frutti riducendo le radiazioni ultraviolette ed infrarosse, senza ostacolare i processi vitali;
  • Ostacola meccanicamente l’azione degli insetti dannosi (cimici, afidi, tuta absoluta, ecc), confondendo gli insetti che così faticano a trovare le nostre colture;
  • Previene le scottature solari, sia dei frutti che delle foglie, in quanto ha una capacità di rifrazione della luce sino al 70%;
  • Dal momento che riflette i raggi infrarossi, permette alla pianta di avere temperature inferiori;
  • Una volta irrorato sulla pianta ed asciugatosi, forma un film sottile di colore bianco;
  • Protegge le piante dalle forti temperature e dagli attacchi di insetti dannosi;
  • Lo si può usare anche sulle piante da frutto oltre che sugli olivi;

Dosi per l’uso del caolino: 40 grammi/litro.

Scheda del caolino BioKi e dove acquistarlo.

Perché utilizzare insieme Caolino, Bentonite e Tannino di castagno

Come dicevo all’inizio, la massima efficacia di ogni singolo prodotto: tannino di castagno, bentonite e caolino la si ha mischiando ed utilizzando contemporaneamente i 3 composti ed irrorandoli la sera sulle piante perché ognuno di essi ha uno scopo ben preciso, come spiegato poco sopra ed insieme si completano.

preparazione prodotti bioki

Dopo che queste si saranno asciugate si formerà un film sottile bianco. Il trattamento va ripetuto a distanza di 10 giorni.

PIANTE CON CAOLINO

Conclusioni

Combattere l’oidio e la peronospora senza la poltiglia bordolese con prodotti naturali è una sfida che chiederà del tempo ma l’ho accettata volentieri e lo scorso anno mi sono trovato benissimo, tanto che lo ripeterò anche quest’anno!

Per comodità vi riassumo i tre componenti biologici di questo articolo:

Buon lavoro!

Link immagine copertina

Forse ti può interessare:

Se sei alla ricerca di un utensile per l’orto e la campagna come: rasaerba, decespugliatore, biotrituratore, motosega da potatura, motocoltivatore o motozappa, prima di acquistarlo puoi leggere i miei approfondimenti su come si usano e quale scegliere, a seconda delle tue esigenze e del budget a disposizione! Potresti risparmiare tempo e denaro!

logo rasaerba
Decespugliatore a scoppio, a batteria o elettrico. Quale scegliere?Biotrituratore a scoppio, elettrico ed a cardano. Quale scegliere?
Guida alla scelta della motosega da potaturaMotocoltivatore o Motozappa? Guida alla scelta

Iscriviti al mio canale YouTube! Ogni settimana un nuovo video su: orto, riscaldamento a biomassa, animali da cortile, fai da te ed attrezzatura in campagna. Dopo l’iscrizione attiva la campanella per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite!

Iscriviti al mio canale YouTube

Nota: mi piace essere corretto con il lettore, quindi voglio dirti che i link che portano ad Amazon sono link affiliati. Se hai trovato utile questo articolo e se vuoi aiutare questo blog a crescere, puoi acquistare attraverso questi link, Amazon riconoscerà a questo blog qualche centesimo e tu non pagherai nulla di più. Se invece deciderai di non seguire questi link non importa, ti ringrazio infinitamente di aver letto questo mio articolo e spero rivederti presto su queste pagine!

Ultimi Articoli