Semenzaio caldo. Guida alla costruzione

Condividi!

Una delle più grandi soddisfazioni è quella di veder nascere le piantine dai propri semi. Per fare ciò occorre attrezzarsi. Questa è una guida alla costruzione di un semenzaio riscaldato.

Semenzaio

Il semenzaio è una struttura dotata di temperatura costante dedicata alla germinazione dei semi ed allo sviluppo delle piantine sino al loro trapianto in piena terra, che avviene tra marzo e maggio, a seconda del clima.

Il periodo ideale per la semina in semenzaio è quindi tra gennaio e febbraio, occorre però un luogo riparato dalle intemperie e dotato di una temperatura costante compresa tra i 16 ed i 18 °C. Si può quindi ricorrere a serre o semenzai riscaldati.

Per raggiungere questo scopo ho acquistato tre componenti: il semenzaio, il termostato ed un cavo riscaldante. Ora li vediamo nei dettagli.

Volendo, se avete tempo e pazienza, potete reperire componenti anche migliori presso i negozi di fai da tè e costruirvelo secondo le vostre esigenze, in tal caso vi consiglio pannelli da 6 mm. Non credo che vi sia un grosso risparmio economico visti i prezzi dei pannelli, ma la soddisfazione è sicuramente maggiore!

Dettagli del mio semenzaio

Il semenzaio che ho scelto ha dimensioni pari a 102 x 102 x 41 / 31 cm, è costituito da pannelli in policarbonato da 4 mm ed è molto semplice da assemblare, occorre circa un’ora e basta un cacciavite a croce. La qualità è buona, i pannelli e tutti i componenti sono contrassegnati con le lettere dell’alfabeto, cosi da seguire velocemente le istruzioni per il montaggio.

Ho riscontrato solo un paio di difetti, ovvero: pannelli forse un po’ troppo sottili e qualche spiffero di troppo tra le giunture. Questo problema l’ho risolto con del semplice para-spifferi adesivo, quello utilizzato comunemente per sigillare le finestre.

Sul fondo del semenzaio ho messo due piccoli bancali sui quali appoggerò le vaschette con i semi. Sotto ai bancali ho messo un abbondante strato di paglia che isola la parte inferiore dal pavimento. Nascosto tra la paglia ho steso il cavo riscaldante, posizionato in modo da poter riscaldare solo i bancali.

Il costo del semenzaio è di circa 42 €+ spese di spedizione, potete trovarlo su Amazon ma anche su altri siti, purtroppo non l’ho visto nei negozi specializzati e, se può esservi utile, vi sono varie forme e dimensioni.

Termostato

Ho poi acquistato un termostato molto semplice da utilizzare, con pochi tasti si sceglie tra la funzione raffreddamento o riscaldamento, si impostano i gradi desiderati ed il gioco è fatto. Una spia rossa segnala che sta “lavorando” in fase di riscaldamento. E’ dotato di una sonda esterna utile da posizionare nella parte intermedia del semenzaio, cosi da monitorare la temperatura interna. Il display indica sia la temperatura impostata che quella ambiente.

Il termostato l’ho pagato circa 18,50 € e l’ho acquistato su Amazon.

Cavo riscaldante

Ho scelto un cavo riscaldante da 80W lungo 6 metri, questa lunghezza si è rivelata corretta per come l’ho disposto nel semenzaio, ovvero a forma di onda, coperto dalla paglia e posizionato sotto ai due bancali.

Il cavo è in silicone, è impermeabile e molto morbido al tatto, occorre precisare che che il primo metro non riscalda e che il suo funzionamento è lento ma costante.

cavo riscaldante

Anche il cavo riscaldante l’ho acquistato su Amazon al prezzo di circa 22,90 €.

Ho preparato un video sul montaggio del semenzaio e sulla disposizione del termostato e del cavo riscaldante.

Watch this video on YouTube.

Buon lavoro!

Condividi!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: